Passa ai contenuti principali

Carlo Tullio - Altan (1916-2005): passaggi chiave, Paolo Ferrario

CONOSCERE E RICONOSCERE




L'Amico Paolo...

Per Carlo Tullio Altan una situazione problematica è una situazione in cui non sempre sono sufficienti modelli interpretativi e intersoggettivi adatti ad affrontare quel problema che si pone. Per farlo è necessario, secondo il suo modello, sviluppare due tipi di processo di pensiero.
Il primo è quello che chiama riconoscimento: 


“se io sono dotato di modelli cognitivi adeguati alla situazione in cui vivo, modelli che ho interiorizzati nell’educazione ricevuta e acquisiti attraverso processi di mia autonoma esperienza e invenzione, io mi trovo in condizione di perfetta armonia e familiarità con i più diversi aspetti della situazione medesima, perché li riconosco in base ai modelli che operano nella mia struttura psichica, registrati, conservati nel sistema nervoso centrale” (Altan C.T., 1968, p. 69)



Il modo più tipico di realizzare questa operazione è quello della percezione che organizza e dà senso a una situazione di vita in modo immediato e spontaneo.
Tuttavia se noi agissimo in base solo a questa particolare forma di pensiero, non potremmo certo parlare di un “soggetto che conosce”, poiché lo identificheremmo con un organismo dotato di strutture psico-biologiche capace di fare tale operazione con modelli già presenti dentro di sé.
I processi di conoscenza sono invece quelli che:

“si attuano in assenza di modelli precostituiti… la conoscenza opera nella cultura, che permette di riconoscere, per rielaborarla e integrarla con modelli nuovi o con nuove combinazione di modelli preesistenti, ed in questo si attua come conoscenza distinta dal riconoscimento. Il pensiero umano necessita di questi due momenti, per essere detto umano” (Altan C.T., 1968, p. 70)


Link utili:

Dal sito:

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI
TULLIO-ALTAN, 1974 = Tullio-Altan, Carlo, I valori difficili. Inchiesta sulle tendenze ideologiche e politiche dei giovani in Italia, Bompiani, Milano 1974.


TULLIO-ALTAN, 1986 = Tullio-Altan, Carlo, La nostra Italia. Arretratezza socioculturale clientelismo trasformismo e ribellismo dall´Unità ad oggi, Milano, Feltrinelli, 1986, ora La nostra Italia. Arretratezza socioculturale, clientelismo, trasformismo e ribellismo dall´Unità al 2000, Milano EGEA 2000.


TULLIO-ALTAN, 1995 = Tullio-Altan, Carlo, Italia: una nazione senza religione civile. Le ragioni di una democrazia incompiuta, presentazione di Roberto Cartocci, Istituto editoriale veneto friulano 1995.


TULLIO-ALTAN, 1997 = Tullio-Altan, Carlo, La coscienza civile degli italiani - Valori e disvalori nella storia nazionale – con il saggio di Roberto Cartocci, L’Italia di tangentopoli e la crisi del sistema partitico, Gaspari, Udine 1997.


TULLIO-ALTAN, 1999 = Tullio-Altan, Carlo, Gli italiani in Europa. Profilo storico comparato delle identità nazionali europee , Il Mulino, Bologna 1999.


© lafrusta-Alfio Squillaci. Tutti i diritti riservati. Riproduzione vietata. 
Vietato il deep link. Copia registrata in "corso particolare". Autorizzato l'uso solo per scopi didattici o di studio personali.



Commenti

  1. mi riempie di felicità che tullio altan possa essere ricordato anche date. è stao uno dei migliori intellettuali del novecento. lui è un po' dimenticato, purtroppo. ma suo figlio (altan dei fumetti) ha continuato a suo modo l'opera del padre. di fatto le vignette di altana sono l'antropologia degli italiani

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

"La Fantasia è un posto dove ci piove dentro" ITALO CALVINO

"La Fantasia è un posto dove ci piove dentro" Dalle “Lezioni americane” di Italo Calvino Sei proposte per il prossimo millennio



Il soffitto dei Desideri....dove ci piove dentro!

... da Lezioni Americane di Calvino, un testo che amo particolarmente e che lessi nel '90..mi ispirò innumerevoli letture e mi fece conoscere Borges e ogni tanto ci torno per "metterci una mano dentro e tirarci fuori la magia come dal cappello"..ora la interpreto così: la fantasia non ha tempo, forma, colore, densità, odore, è tutto e il suo opposto, è quello che voglio, che creo fingendo io..un posto dove ci piove dentro..dunque..quando piove dentro, vuol dire che c'è un foro, un buco, un piccolo passaggio, o una voragine, una grossa perdita..insomma una falla..una falla nella fantasia? cosa potrà mai essere?
LA DURA E MERA REALTA'! KE-R


«Ci sono giorni in cui ogni cosa che vedo mi sembra carica di significati: messaggi che mi sarebbe difficile comunicare ad altri, definire, t…

IERNOTTE MENTRE DORMIVO - Antonio Machado (1875-1939)

IERNOTTE MENTRE DORMIVO
Iernotte mentre dormivo sognai, felice illusione!, che una fontana fluiva dentro il mio cuore. Dimmi, per che gora nascosta, acqua, giungi fino a me, sorgiva di nuova vita dove non bevvi mai? Iernotte mentre dormivo sognai, felice illusione!, che un alveare avevo  dentro il mio cuore; e le api dorate fabbricavano in esso, con le vecchie amarezze, bianca cera e dolce miele. Iernotte mentre dormivo sognai, felice illusione!, che un sole ardente splendeva dentro il mio cuore. Ardente perché dava calore, di rosso focolare, e sole perché rischiarava e perché faceva lacrimare. Iernotte mentre dormivo sognai, felice illusione!, che era Dio quel che avevo dentro il mio cuore.
Antonio Machado (1875-1939)

Ciao Nonna


Il libro dell'Inquietudine di Bernardo Soares - Fernando Pessoa

Il libro dell'Inquietudine di Bernardo Soares



http://www.leonor-fini.com/Versionanglaise/index_a.htm http://it.wikipedia.org/wiki/Leonor_Fini


"Le figure immaginarie hanno più spessore e verità di quelle reali. Il mio mondo immaginario è stato sempre per me l'unico mondo vero. Non ho mai avuto amori così reali, così pieni di verve, di sangue e di vita come l'amore vissuto con figure uscite da me stesso. Che peccato! Ne ho nostalgia perchè, come ogni amore, anche questi amori passano"...nota 198(367) Il Libro dell'inquietudine di Bernardo Soares - Fernando Pessoa
"Non ho fatto altro che sognare. Questo, e questo soltanto, è sempre stato il senso della mia vita. Non ho mai avuto altra preoccupazione vera se non la mia vita interiore. I più grandi dolori della mia vita sfumano, quando, aprendo la finestra che si affaccia sulla strada del mio sogno, e guardando il suo andamento, posso dimenticare me stesso". 200(373) Il Libro dell'inquietudine di Bernar…