Passa ai contenuti principali

Pescatrici di perle - le foto di Maraini


L' incanto delle pescatrici
Le donne del mare giapponesi nelle foto di Maraini






Purtroppo il link su Vimeo al video di Bilenko è stato rimosso



«Le giovani - scrive Fosco Maraini nel libro «L' isola delle pescatrici» - erano bellissime; i loro corpi gentili e forti scivolavano nell' acqua con la naturalezza di un essere che si trova nel proprio elemento». 
Maraini, celebre etnologo, orientalista e fotografo scomparso tre anni fa, decise nel 1954 di raccontare la vita quotidiana delle pescatrici subacquee che vivevano in piccoli villaggi distribuiti lungo tutta la costa centrale e meridionale del Giappone. 
La sua curiosità per le donne del mare era scaturita, ancor prima degli studi e del sentito dire, dalle illustrazioni delle stampe xilografiche, opere che lo avevano sempre affascinato e che considerava una fonte privilegiata per comprendere la cultura e la psicologia giapponese. 
Lui raccontò l' attività delle donne appartenenti al gruppo etnico degli Ama, alle quali era riservato il compito di pescare gli awabi, particolari molluschi molto apprezzati nella cucina giapponese. 
Le donne li raccoglievano scendendo in apnea, a seno nudo, lungo i fondali prospicienti l' isola di Hèkura, in alcuni casi profondi anche venti metri. 
Maraini documentò questa attività con un volume, un documentario etnografico e un reportage fotografico.



Commenti

  1. Bellissimo ricordo.... Mi sono venuti i brividi...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

"La Fantasia è un posto dove ci piove dentro" ITALO CALVINO

"La Fantasia è un posto dove ci piove dentro" Dalle “Lezioni americane” di Italo Calvino Sei proposte per il prossimo millennio



Il soffitto dei Desideri....dove ci piove dentro!

... da Lezioni Americane di Calvino, un testo che amo particolarmente e che lessi nel '90..mi ispirò innumerevoli letture e mi fece conoscere Borges e ogni tanto ci torno per "metterci una mano dentro e tirarci fuori la magia come dal cappello"..ora la interpreto così: la fantasia non ha tempo, forma, colore, densità, odore, è tutto e il suo opposto, è quello che voglio, che creo fingendo io..un posto dove ci piove dentro..dunque..quando piove dentro, vuol dire che c'è un foro, un buco, un piccolo passaggio, o una voragine, una grossa perdita..insomma una falla..una falla nella fantasia? cosa potrà mai essere?
LA DURA E MERA REALTA'! KE-R


«Ci sono giorni in cui ogni cosa che vedo mi sembra carica di significati: messaggi che mi sarebbe difficile comunicare ad altri, definire, t…

IERNOTTE MENTRE DORMIVO - Antonio Machado (1875-1939)

IERNOTTE MENTRE DORMIVO
Iernotte mentre dormivo sognai, felice illusione!, che una fontana fluiva dentro il mio cuore. Dimmi, per che gora nascosta, acqua, giungi fino a me, sorgiva di nuova vita dove non bevvi mai? Iernotte mentre dormivo sognai, felice illusione!, che un alveare avevo  dentro il mio cuore; e le api dorate fabbricavano in esso, con le vecchie amarezze, bianca cera e dolce miele. Iernotte mentre dormivo sognai, felice illusione!, che un sole ardente splendeva dentro il mio cuore. Ardente perché dava calore, di rosso focolare, e sole perché rischiarava e perché faceva lacrimare. Iernotte mentre dormivo sognai, felice illusione!, che era Dio quel che avevo dentro il mio cuore.
Antonio Machado (1875-1939)

Ciao Nonna


Il libro dell'Inquietudine di Bernardo Soares - Fernando Pessoa

Il libro dell'Inquietudine di Bernardo Soares



http://www.leonor-fini.com/Versionanglaise/index_a.htm http://it.wikipedia.org/wiki/Leonor_Fini


"Le figure immaginarie hanno più spessore e verità di quelle reali. Il mio mondo immaginario è stato sempre per me l'unico mondo vero. Non ho mai avuto amori così reali, così pieni di verve, di sangue e di vita come l'amore vissuto con figure uscite da me stesso. Che peccato! Ne ho nostalgia perchè, come ogni amore, anche questi amori passano"...nota 198(367) Il Libro dell'inquietudine di Bernardo Soares - Fernando Pessoa
"Non ho fatto altro che sognare. Questo, e questo soltanto, è sempre stato il senso della mia vita. Non ho mai avuto altra preoccupazione vera se non la mia vita interiore. I più grandi dolori della mia vita sfumano, quando, aprendo la finestra che si affaccia sulla strada del mio sogno, e guardando il suo andamento, posso dimenticare me stesso". 200(373) Il Libro dell'inquietudine di Bernar…