Passa ai contenuti principali

La Lettura (Corriere della Sera 13 Novembre 2011)



La Lettura
La Lettura è stata una rivista mensile illustrata del "Corriere della Sera" pubblicata senza interruzioni dal 1901 al 1945.


La Lettura, Corriere della Sera




Anno V - Annata completa

Oggi con il Corriere della Sera, un inserto dal nome evocativo, importante, per il quotidiano stesso: La Lettura. Per me una gioia, perché mi ricorda il grande periodico che il Corriere pubblicava, proprio con lo stesso nome agli inizi del Novecento e del quale custodisco numerosi numeri. L'annata completa del V anno e tanti altri numeri fino al 30, illustrati dai più importanti disegnatori dell'epoca: Dudovich, Sepo, Sacchetti, Bemporad, Rubino, Finozzi, Anichini e Brunelleschi....


La copertina di oggi



Osserverò interessata!

Storia:
Quando nasce è un tipo di pubblicazione del tutto nuovo per l'Italia, perché mescola le caratteristiche della rivista colta e di quella popolare. Probabilmente Luigi Albertini, che la fonda, aveva preso l'idea dai magazines allora diffusi nel mondo anglosassone. Pochi anni prima il "Corriere" aveva varato, con enorme successo, "La Domenica del Corriere", ora tende ad un pubblico più alto: le famiglie della buona borghesia, ma anche gli intellettuali, che la considerano una decorosa lettura d'evasione. Renato Serra, per esempio, la cita in Le Letterecome "magazine da ferrovia", cioè da leggere per passatempo in treno. A dirigerla viene chiamato il suocero di Albertini e uno degli scrittori più amati all'epoca, il drammaturgo Giuseppe Giacosa; e sulle pagine della rivista, nell'arco di mezzo secolo, compaiono quasi tutte le firme più importanti della prima metà del Novecento: basti citare Giovanni Pascoli, Gabriele D'Annunzio, Giovanni Verga, Alberto Savinio, Carlo Emilio Gadda e Dino Buzzati. Luigi Pirandello, per esempio, vi pubblica il suo primo lavoro teatrale, l'atto unico Cecè[1], con due anni d'anticipo rispetto all'esordio sulle scene.

Nei primi anni del secolo la rivista, in accordo con la filosofia positivista, si propone come rivista di informazione scientifica a tutto tondo, chiamando a collaborare accademici e illustri studiosi. In un secondo tempo, quando la direzione passa a Renato Simoni (dal 1906) e poi aMario Ferrigni (dal 1923) diventerà più giornalistica e commerciale, ma sempre entro i limiti del decoro e di un discreto livello culturale. Uno scoop d'eccezione è la pubblicazione delle fotografie della battaglia di Liaoyang (guerra russo-giapponese, 1904) scattate da Luigi Barzini senior[2]: si tratta della prima documentazione fotografica in assoluto di un campo di battaglia. La novità fece esaurire i numeri della rivista in poche ore. Un'altra primizia è la pubblicazione cartacea della prima trasmissione della radio italiana, il radiodramma L'anello di Teodosio.
Un punto di forza fondamentale è costituito dall'illustrazione: gli articoli di informazione sono sempre corredati da fotografie e le novelle e i romanzi a puntate da disegni; dal 1906 poi anche la copertina viene illustrata a colori e riporta le firme degli illustratori più noti dell'epoca: daEnrico Sacchetti, che è in assoluto il più rappresentato, al prestigioso Marcello Dudovich, dal fiabesco Umberto Brunelleschi al caricaturaleSergio Tofano (alias «Sto»)


Per visualizzare tutti i numeri:

Commenti

Post popolari in questo blog

"La Fantasia è un posto dove ci piove dentro" ITALO CALVINO

"La Fantasia è un posto dove ci piove dentro" Dalle “Lezioni americane” di Italo Calvino Sei proposte per il prossimo millennio



Il soffitto dei Desideri....dove ci piove dentro!

... da Lezioni Americane di Calvino, un testo che amo particolarmente e che lessi nel '90..mi ispirò innumerevoli letture e mi fece conoscere Borges e ogni tanto ci torno per "metterci una mano dentro e tirarci fuori la magia come dal cappello"..ora la interpreto così: la fantasia non ha tempo, forma, colore, densità, odore, è tutto e il suo opposto, è quello che voglio, che creo fingendo io..un posto dove ci piove dentro..dunque..quando piove dentro, vuol dire che c'è un foro, un buco, un piccolo passaggio, o una voragine, una grossa perdita..insomma una falla..una falla nella fantasia? cosa potrà mai essere?
LA DURA E MERA REALTA'! KE-R


«Ci sono giorni in cui ogni cosa che vedo mi sembra carica di significati: messaggi che mi sarebbe difficile comunicare ad altri, definire, t…

IERNOTTE MENTRE DORMIVO - Antonio Machado (1875-1939)

IERNOTTE MENTRE DORMIVO
Iernotte mentre dormivo sognai, felice illusione!, che una fontana fluiva dentro il mio cuore. Dimmi, per che gora nascosta, acqua, giungi fino a me, sorgiva di nuova vita dove non bevvi mai? Iernotte mentre dormivo sognai, felice illusione!, che un alveare avevo  dentro il mio cuore; e le api dorate fabbricavano in esso, con le vecchie amarezze, bianca cera e dolce miele. Iernotte mentre dormivo sognai, felice illusione!, che un sole ardente splendeva dentro il mio cuore. Ardente perché dava calore, di rosso focolare, e sole perché rischiarava e perché faceva lacrimare. Iernotte mentre dormivo sognai, felice illusione!, che era Dio quel che avevo dentro il mio cuore.
Antonio Machado (1875-1939)

Ciao Nonna


Il libro dell'Inquietudine di Bernardo Soares - Fernando Pessoa

Il libro dell'Inquietudine di Bernardo Soares



http://www.leonor-fini.com/Versionanglaise/index_a.htm http://it.wikipedia.org/wiki/Leonor_Fini


"Le figure immaginarie hanno più spessore e verità di quelle reali. Il mio mondo immaginario è stato sempre per me l'unico mondo vero. Non ho mai avuto amori così reali, così pieni di verve, di sangue e di vita come l'amore vissuto con figure uscite da me stesso. Che peccato! Ne ho nostalgia perchè, come ogni amore, anche questi amori passano"...nota 198(367) Il Libro dell'inquietudine di Bernardo Soares - Fernando Pessoa
"Non ho fatto altro che sognare. Questo, e questo soltanto, è sempre stato il senso della mia vita. Non ho mai avuto altra preoccupazione vera se non la mia vita interiore. I più grandi dolori della mia vita sfumano, quando, aprendo la finestra che si affaccia sulla strada del mio sogno, e guardando il suo andamento, posso dimenticare me stesso". 200(373) Il Libro dell'inquietudine di Bernar…