Passa ai contenuti principali

Quasi - Surrealismo Portoghese



Carlo Carrà - Manifestazione interventista -1914
più info su Carrà dal sito:

Quasi

Un poco più di sole - ed ero brace,

un poco più di azzurro - ero di là.

A riuscir, mi è mancato un colpo d'ala...

Potessi almeno rimanere qua...



Spavento o pace? No...Tutto svanito

in basso mare ingannator di spuma;

e il grande sogno ridestato in bruma,

il grande sogno - ahimè - quasi vissuto...



Quasi amor, quasi trionfo e fiamma,

quasi principio e fine - quasi espansione...

Ma nell'anima tutto mi si spande...

Intanto nulla fu solo illusione!



Tutto ha avuto un inizio...e è tutto errato...

- Oh il dolore infinito d'esser quasi... -

Mi mancai tra gli altri, mancai in me,

ala che si slanciò ma non volò...



Momenti d'anima che io dissipai...

Templi dove non posi mai un altare...

Fiumi che persi senza portarli al mare...

Ansie che furono ma che non fissai...



Se mi divago, trovo solo indizi...

Ogive verso il sol - le vedo chiuse;

mani d'eroe, senza fede, invilite,

misero grate sopra i precipizi...



In impeto diffuso di languore,

tutto intrapresi e nulla possedetti...

Oggi di me, non c'è che il disinganno

di cose che baciai ma che non vissi...



...............................................

...............................................

Un poco più di sole - e sarei brace,

un poco più di azzurro - e sarei là.

A riuscir, mi è mancato un colpo d'ala...

Potessi almeno rimanere qua...

Mario de Sa-Carneiro N. Lisbona 19-05-1890, m., suicida, a Parigi 26-04-1916


(Poesia tratta da Dispersione del 1914) 

Da Pessoa a Oliveria - La moderna Poesia Portoghese "Modernismo, Surrealismo, Neorealismo" ed.Accademia 1973. I° ed. pag.119
a cura di Giuseppe Tavani


Dalle note su Mario de Sa-Carneiro
"...Amico devoto ammiratore di Pessoa, la sua poesia, (che si rinserra del tutto entro il breve arco di un quadriennio: 1913-16) nasce dall'insegna di un simbolismo in decomposizione ed assimila immediatamente
la lezione pessoana, che egli incanala entro i canoni prosodici e ritmici simbolisti e interpreta
in chiave di delirante stravaganza e di ipersensibilità allucinata in cui confluiscono il futurismo marinettiano e le visioni oniriche di Walt Whitman e di Picasso..."

Commenti

Post popolari in questo blog

"La Fantasia è un posto dove ci piove dentro" ITALO CALVINO

"La Fantasia è un posto dove ci piove dentro" Dalle “Lezioni americane” di Italo Calvino Sei proposte per il prossimo millennio



Il soffitto dei Desideri....dove ci piove dentro!

... da Lezioni Americane di Calvino, un testo che amo particolarmente e che lessi nel '90..mi ispirò innumerevoli letture e mi fece conoscere Borges e ogni tanto ci torno per "metterci una mano dentro e tirarci fuori la magia come dal cappello"..ora la interpreto così: la fantasia non ha tempo, forma, colore, densità, odore, è tutto e il suo opposto, è quello che voglio, che creo fingendo io..un posto dove ci piove dentro..dunque..quando piove dentro, vuol dire che c'è un foro, un buco, un piccolo passaggio, o una voragine, una grossa perdita..insomma una falla..una falla nella fantasia? cosa potrà mai essere?
LA DURA E MERA REALTA'! KE-R


«Ci sono giorni in cui ogni cosa che vedo mi sembra carica di significati: messaggi che mi sarebbe difficile comunicare ad altri, definire, t…

IERNOTTE MENTRE DORMIVO - Antonio Machado (1875-1939)

IERNOTTE MENTRE DORMIVO
Iernotte mentre dormivo sognai, felice illusione!, che una fontana fluiva dentro il mio cuore. Dimmi, per che gora nascosta, acqua, giungi fino a me, sorgiva di nuova vita dove non bevvi mai? Iernotte mentre dormivo sognai, felice illusione!, che un alveare avevo  dentro il mio cuore; e le api dorate fabbricavano in esso, con le vecchie amarezze, bianca cera e dolce miele. Iernotte mentre dormivo sognai, felice illusione!, che un sole ardente splendeva dentro il mio cuore. Ardente perché dava calore, di rosso focolare, e sole perché rischiarava e perché faceva lacrimare. Iernotte mentre dormivo sognai, felice illusione!, che era Dio quel che avevo dentro il mio cuore.
Antonio Machado (1875-1939)

Ciao Nonna


Il libro dell'Inquietudine di Bernardo Soares - Fernando Pessoa

Il libro dell'Inquietudine di Bernardo Soares



http://www.leonor-fini.com/Versionanglaise/index_a.htm http://it.wikipedia.org/wiki/Leonor_Fini


"Le figure immaginarie hanno più spessore e verità di quelle reali. Il mio mondo immaginario è stato sempre per me l'unico mondo vero. Non ho mai avuto amori così reali, così pieni di verve, di sangue e di vita come l'amore vissuto con figure uscite da me stesso. Che peccato! Ne ho nostalgia perchè, come ogni amore, anche questi amori passano"...nota 198(367) Il Libro dell'inquietudine di Bernardo Soares - Fernando Pessoa
"Non ho fatto altro che sognare. Questo, e questo soltanto, è sempre stato il senso della mia vita. Non ho mai avuto altra preoccupazione vera se non la mia vita interiore. I più grandi dolori della mia vita sfumano, quando, aprendo la finestra che si affaccia sulla strada del mio sogno, e guardando il suo andamento, posso dimenticare me stesso". 200(373) Il Libro dell'inquietudine di Bernar…