Passa ai contenuti principali

Racconti narrati due volte - Hawthorne

..
1974 - Collana EDIPEM - numero 38 

Wakefield 
1837
pag.61

Io penso:...
Nelle prime quattro righe a seguire, qualcuno incontrerà un emozione chiamata Borges...
Ricordo di aver letto in qualche vecchia rivista o giornale la storia, data per vera, di un tale (possiamo chiamarlo Wakefield) che per lungo tempo rimase lontano dalla moglie. Il fatto così astrattamente definito non è poi tanto raro né tale da poter essere condannato a priori come malvagio o sciocco senza una appropriata distinzione nelle sue circostanze. Ad ogni modo, questo benché non certo il più grave, è forse il più strano esempio di delinquenza maritale; e, per di più, il ghiribizzo più notevole che si possa trovare in una lista completa delle stravaganze umane.
La coppia viveva a Londra. L'uomo, fingendo di dover intraprendere un viaggio, andò ad abitare nella strada vicina e qui visse costantemente per più di vent'anni senza mai far saper nulla di sé alla moglie né agli amici, e senza che esistesse l'ombra di un motivo per questo esilio volontario. Durante questo periodo egli poté vedere ogni giorno la propria casa ed anche, con una certa frequenza, l'abbandonata signora Wakefield. Ed una sera, dopo aver scavato un tale abisso nella sua felicità coniugale, quando la sua morte era oramai data per certa, il suo patrimonio assestato, il suo nome dimenticato e quando colei che tanto tempo prima era stata sua moglie si era oramai rassegnata all'autunnale vedovanza, egli rientrò in casa con tutta calma come se ritornasse dopo un giorno di assenza, per essere marito affettuoso fino alla morte.
...ed ecco di nuovo l'emozione nelle prime righe...
Questo schema è tutto ciò che ricordo. Ma il caso, benché quanto mai originale e senza esempi e tale che con ogni probabilità non verrà mai più ripetuto, è uno di quelli, a mio vedere, che si conquistano la comprensione del genere umano. Ciascuno di noi sa che egli stesso non compirebbe mai una simile follia, eppure ha l'impressione che qualcun altro potrebbe farlo. A me, almeno, è ricorsa spesso alla mente, sempre suscitando la mia meraviglia ma dandomi la certezza della veridicità di questa storia ed è un'idea della figura del suo protagonista. Quando un soggetto appassiona tanto la mente, il tempo passato a pensare ad esso è sempre ben speso. 
..ed ancora qua sublime riflessione..
Se il lettore vuole può meditarvi da solo; se invece preferisce riandare con me i venti anni della stravaganza di Wakefield, sia il benvenuto, certo che, anche se non riusciamo a trovarli, vi saranno un significato dominante ed una morale chiaramente svolti e condensati nell'ultima frase. Il pensiero non manca mai di efficacia ad ogni avvenimento notabile della sua morale.
Che tipo di uomo era Wakefiled!......


RACCONTI NARRATI DUE VOLTE
pag.7
...."E' uno stile piano e delicato, senza contorcimenti né luci troppo abbaglianti; rare, se pur ve ne sono, le tinte forti; la sua pagina appare soffusa come da una nebbia psicologica che non permette mai al quadro una vividezza eccessiva, ma tende anzi a soffocarla, quando è il caso; perché l'autore è sempre presente tra le righe, e solo raramente, permette ai propri personaggi di vivere una propria vita indipendente."...

pag.9
Le novelle di Hawthorne spaziano nelle più alte regioni dell'arte, di un'arte al servizio di un genio d'ordine altamente superiore [...].
Il tono del suo stile dà un senso di calma, l'intento fondamentale dell'autore è la ricerca della verità, egli rispetta la brevità necessaria e soprattutto possiede inventiva, creatività, fantasia e originalità,
elementi che nella narrativa valgono su tutti glia ltri.
EDGAR ALLAN POE


Consigli per altre letture e collegamenti:
Per una conoscenza più approfondita di Hawthorne e del mondo americano in cui visse ed operò, è indispensabile leggere qualcosa su quella sorta di movimento spirituale e letterario che i critici chiamarono in seguito Trascendentalismo. Ne subirono in un certo senso gli influssi, oltre ad Hawthorne, anche Thoreau e Melville e la poetessa Dickinson - per non dire tutta la vita intellettuale del New England.
http://it.wikipedia.org/wiki/Nathaniel_Hawthorne
Sulla cinematografia:
Il primo film fu Il Fauno di Marmo nel 1920:
http://ritrovatirestauratiinvisibili.blogspot.com/2010/01/il-fauno-di-marmo-1920.html

Commenti

Post popolari in questo blog

"La Fantasia è un posto dove ci piove dentro" ITALO CALVINO

"La Fantasia è un posto dove ci piove dentro" Dalle “Lezioni americane” di Italo Calvino Sei proposte per il prossimo millennio



Il soffitto dei Desideri....dove ci piove dentro!

... da Lezioni Americane di Calvino, un testo che amo particolarmente e che lessi nel '90..mi ispirò innumerevoli letture e mi fece conoscere Borges e ogni tanto ci torno per "metterci una mano dentro e tirarci fuori la magia come dal cappello"..ora la interpreto così: la fantasia non ha tempo, forma, colore, densità, odore, è tutto e il suo opposto, è quello che voglio, che creo fingendo io..un posto dove ci piove dentro..dunque..quando piove dentro, vuol dire che c'è un foro, un buco, un piccolo passaggio, o una voragine, una grossa perdita..insomma una falla..una falla nella fantasia? cosa potrà mai essere?
LA DURA E MERA REALTA'! KE-R


«Ci sono giorni in cui ogni cosa che vedo mi sembra carica di significati: messaggi che mi sarebbe difficile comunicare ad altri, definire, t…

IERNOTTE MENTRE DORMIVO - Antonio Machado (1875-1939)

IERNOTTE MENTRE DORMIVO
Iernotte mentre dormivo sognai, felice illusione!, che una fontana fluiva dentro il mio cuore. Dimmi, per che gora nascosta, acqua, giungi fino a me, sorgiva di nuova vita dove non bevvi mai? Iernotte mentre dormivo sognai, felice illusione!, che un alveare avevo  dentro il mio cuore; e le api dorate fabbricavano in esso, con le vecchie amarezze, bianca cera e dolce miele. Iernotte mentre dormivo sognai, felice illusione!, che un sole ardente splendeva dentro il mio cuore. Ardente perché dava calore, di rosso focolare, e sole perché rischiarava e perché faceva lacrimare. Iernotte mentre dormivo sognai, felice illusione!, che era Dio quel che avevo dentro il mio cuore.
Antonio Machado (1875-1939)

Ciao Nonna


Il libro dell'Inquietudine di Bernardo Soares - Fernando Pessoa

Il libro dell'Inquietudine di Bernardo Soares



http://www.leonor-fini.com/Versionanglaise/index_a.htm http://it.wikipedia.org/wiki/Leonor_Fini


"Le figure immaginarie hanno più spessore e verità di quelle reali. Il mio mondo immaginario è stato sempre per me l'unico mondo vero. Non ho mai avuto amori così reali, così pieni di verve, di sangue e di vita come l'amore vissuto con figure uscite da me stesso. Che peccato! Ne ho nostalgia perchè, come ogni amore, anche questi amori passano"...nota 198(367) Il Libro dell'inquietudine di Bernardo Soares - Fernando Pessoa
"Non ho fatto altro che sognare. Questo, e questo soltanto, è sempre stato il senso della mia vita. Non ho mai avuto altra preoccupazione vera se non la mia vita interiore. I più grandi dolori della mia vita sfumano, quando, aprendo la finestra che si affaccia sulla strada del mio sogno, e guardando il suo andamento, posso dimenticare me stesso". 200(373) Il Libro dell'inquietudine di Bernar…