Orfeo

Preraffaelliti
Le ninfee ritrovano la testa di Orfeo - 1900 -Waterhouse


Rainer Maria Rilke -  I Sonetti a Orfeo - IIParte.3


Specchi, nessuno ha scritto mai, sapendolo,

che cosa siete nell'essenza.

Interstizi del tempo voi, di buchi

pieni come crivelli.

Voi della sala vuota ancora prodighi,

immensi, al farsi buio, come selve...

Cervo ramoso il lampadario vi

traversa, impenetrabili.



A volte di pitture vi stipate.

Alcune paiono in voi trapassare,

altre lasciate fuori, timorosi -



ma la più bella resterà, fin quando

entro il suo viso che si nega invano

penetri il chiaro dissolto Narciso.




La presenza di Orfeo - La terra Santa
Alda Merini (1ed.1953)
“Orfeo novello amico dell’assenza, / modulerai di nuovo dalla cetra / la figura nascente di me stessa."


« Pensavo a quel gelo, a quel vuoto che avevo traversato e che lei si portava nelle ossa, nel midollo, nel sangue. Valeva la pena di rivivere ancora? Ci pensai, e intravvidi il barlume del giorno. Allora dissi "sia finita" e mi voltai »
(Orfeo ne L'inconsolabile di Cesare Pavese, dai Dialoghi con Leucò, Einaudi 1947)



G.Moreau - Ragazza tracia con la testa di Orfeo (1865)

.

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

"La Fantasia è un posto dove ci piove dentro" ITALO CALVINO

IERNOTTE MENTRE DORMIVO - Antonio Machado (1875-1939)