Passa ai contenuti principali

Félicien Rops (1833-1898) e il Simbolismo Belga




"Uno dei contributi più originali del simbolismo che scompagina l'ordine di ogni scansione disciplinare, scaturisce dall'incontro, nel 1864 di Baudelaire con Félicien Rops. Per il poeta, Rops disegnerà il frontespizio di Les Epaves, dove una donna vestita secondo i canoni del café chantant ha un teschio per testa con gran cappello e un corpo scheletrico. I due amici dialogano, riflettono sulla relazione che corre tra visibile e leggibile, Rops giunge a configurare un'immagine che sia riflesso del testo e non illustrazione banale d'esso."
di Cesare de Seta


Vedi il testo di JOSEPHIN PELADAN,





DELL’ANDROGINO.

Teoria plastica.


A cura di Adriano Marchetti.
Pàtron Editore, Bologna, 1996



Josephin Aimé Péladan

Nato a Lione il 28 marzo 1859, morto a Neully sur Seine il 27 giugno 1918. Si faceva chiamare Sâr Merodak, dal nome di un personaggio principale di una delle sue novelle, o Sâr Peladan. Sâr è una parola assira che signidfica Re. Personaggio eccentrico dell’epoca simbolista, poeta, scrittore, drammaturgo, fu amico di Stanislas de Guaita (con cui saltuariamente rompeva, per rivalità in questioni di donne) di Gabriele D’Annunzio, che era un suo estimatore, di Eric Satie, il musicista e compositore che scrisse la musica per i suoi drammi e fu il musicista ufficiale dell’Ordine Cabbalistico della Rosa+Croce, di Debussy, di Gerard Encausse (Papus). il personaggio più importante dell’esoterismo europeo della sua epoca e di molti degli intellettuali della sua epoca. Nella galleria Durand-Ruel, Peladan organizzò un importante evento artistico della vita parigina, il Salon des Rose+Croix. Nel 1893, dal 38 marzo al 30 aprile, vi si tennero numerose tenute artistiche e che fu visitato da 23.000 persone. Il Salon fu ripetuto anche nel 1897.

Vedi anche: L'Opera Teatrale di Joséphin Péladan
Esoterismo e Magia nel Dramma Simbolista
di Marisa Verna

Commenti

Post popolari in questo blog

"La Fantasia è un posto dove ci piove dentro" ITALO CALVINO

"La Fantasia è un posto dove ci piove dentro" Dalle “Lezioni americane” di Italo Calvino Sei proposte per il prossimo millennio



Il soffitto dei Desideri....dove ci piove dentro!

... da Lezioni Americane di Calvino, un testo che amo particolarmente e che lessi nel '90..mi ispirò innumerevoli letture e mi fece conoscere Borges e ogni tanto ci torno per "metterci una mano dentro e tirarci fuori la magia come dal cappello"..ora la interpreto così: la fantasia non ha tempo, forma, colore, densità, odore, è tutto e il suo opposto, è quello che voglio, che creo fingendo io..un posto dove ci piove dentro..dunque..quando piove dentro, vuol dire che c'è un foro, un buco, un piccolo passaggio, o una voragine, una grossa perdita..insomma una falla..una falla nella fantasia? cosa potrà mai essere?
LA DURA E MERA REALTA'! KE-R


«Ci sono giorni in cui ogni cosa che vedo mi sembra carica di significati: messaggi che mi sarebbe difficile comunicare ad altri, definire, t…

IERNOTTE MENTRE DORMIVO - Antonio Machado (1875-1939)

IERNOTTE MENTRE DORMIVO
Iernotte mentre dormivo sognai, felice illusione!, che una fontana fluiva dentro il mio cuore. Dimmi, per che gora nascosta, acqua, giungi fino a me, sorgiva di nuova vita dove non bevvi mai? Iernotte mentre dormivo sognai, felice illusione!, che un alveare avevo  dentro il mio cuore; e le api dorate fabbricavano in esso, con le vecchie amarezze, bianca cera e dolce miele. Iernotte mentre dormivo sognai, felice illusione!, che un sole ardente splendeva dentro il mio cuore. Ardente perché dava calore, di rosso focolare, e sole perché rischiarava e perché faceva lacrimare. Iernotte mentre dormivo sognai, felice illusione!, che era Dio quel che avevo dentro il mio cuore.
Antonio Machado (1875-1939)

Ciao Nonna


Il libro dell'Inquietudine di Bernardo Soares - Fernando Pessoa

Il libro dell'Inquietudine di Bernardo Soares



http://www.leonor-fini.com/Versionanglaise/index_a.htm http://it.wikipedia.org/wiki/Leonor_Fini


"Le figure immaginarie hanno più spessore e verità di quelle reali. Il mio mondo immaginario è stato sempre per me l'unico mondo vero. Non ho mai avuto amori così reali, così pieni di verve, di sangue e di vita come l'amore vissuto con figure uscite da me stesso. Che peccato! Ne ho nostalgia perchè, come ogni amore, anche questi amori passano"...nota 198(367) Il Libro dell'inquietudine di Bernardo Soares - Fernando Pessoa
"Non ho fatto altro che sognare. Questo, e questo soltanto, è sempre stato il senso della mia vita. Non ho mai avuto altra preoccupazione vera se non la mia vita interiore. I più grandi dolori della mia vita sfumano, quando, aprendo la finestra che si affaccia sulla strada del mio sogno, e guardando il suo andamento, posso dimenticare me stesso". 200(373) Il Libro dell'inquietudine di Bernar…