Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2009

Mio Nonno - Carta d'identità tedesca ( La seconda Guerra )

RINALDI RENATO In centro a Bologna 1945 - Mio Nonno Collezione Personale




Carta d'Identità tedesca 1945 Mio Nonno

"Per di più lo sport è in generale uno dei “valori” che il fascismo colloca su un piedistallo di riguardo perché consente sviluppi propagandistici, oltreché nel senso nazionalistico, anche in direzione del militarismo, della polemica antiborghese (ma, tutta e solo moralistica, contro il “panciafichismo” della borghesia italiana giudaico-massonica-capitalistica, contro la sua pavidità, la sua inerzia, il suo temperamento, mai contro i reali assetti di potere e i conseguenti rapporti tra le classi), del mito della giovinezza eterna, dell’eugenetica, della razza, della modernizzazione che deve attraversare la società italiana riaffiorata dalle rovine del mondo liberale. La costruzione insomma dell’uomo nuovo, che il fascismo ha in mente, passa attraverso l’uso dello sport."



Cartolina Postale - Esercizi Ginnici - Mio Nonno
http://it.encarta.msn.com/sidebar_2216351…

La Sorpresa

…sulla sorpresa “Si vive questa sensazione con intensità particolare quando si viaggia in treno seduti in direzione in cui va il treno, vicino al finestrino: come un fiume le cose vengono incontro; appaiono da lontano, minuscole, si avvicinano, si fanno più grandi, inondano gli occhi; si rivelano nella verità della loro figura e dei loro colori; si ha l’impressione di non essere noi ad andare verso di loro, ma loro a venire verso di noi, quasi addosso, come un’onda alta che si rovescia su di noi.
Se di tanto in tanto si guarda anche dal finestrino opposto, si ha proprio la sensazione di solcare un mare di cose, come se si fosse su una nave: prati, alberi, messi, casolari, persone, macchine, fiumi, ponti, binari, colline, scogliere, paesi…,da una parte e dall’altra. Andare è incontrare. E’ una grande fortuna riuscire a conservare il potere e l’attesa di essere stupiti.
Se si è seduti in direzione opposta a quella in cui va il treno, non si ha questa sensazione perché non si va incontro a…

Miti - CLAUDE LÉVI-STRAUSS

http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-15e613dd-f47f-445d-bcee-3798e7dc4274.html



"Cominciamo col dire che le condizioni naturali non sono subite e, quel che più conta, non hanno esistenza propria, perché sono funzione delle tecniche e del genere di vita della popolazione che le definisce e che dà loro un significato, sfruttandole in un determinato senso. La natura non è contraddittoria in sé stessa; può esserlo soltanto nei termini della particolare attività umana che vi si inscrive, e le proprietà dell’ambiente acquistano significati diversi secondo la forma storica e tecnica che questo o quel genere di attività vi assume. D’altronde, anche elevati a questo livello umano che solo può conferire loro intelligibilità, i rapporti dell’uomo con l’ambiente naturale fungono da oggetti di pensiero: l’uomo non li percepisce passivamente, ma li macina, dopo averli ridotti a concetti, per ricavarne un sistema che non è mai predeterminato: anche supponendo che la situazione r…

Macchina

www.edixxon.com/poyet/01_text/1020.html

Macchina, s. f. Ogni strumento per cui mezzo si può metter in opera la forza e il moto, o sollecitare gli agenti naturali con più vantaggio e agiatezza: -- semplice, complicata; -- a vapore, --da teatro. || Qualunque strumento da guerra. || Macchinazione: montare una --|| Fig. Persona grande di statura: guarda che -- di donna ! || Edifizio nobile o grande. || Macchina umana, il corpo umano.

Dal Nuovo Vocabolaro Universale della lingua italiana di B. Melzi 1882 Quinta Edizione Fratelli Garnier Edizioni


http://it.wikipedia.org/wiki/Leonardo_da_Vinci

Vettura

Vettura, s.f. Prestazione di bestie da someggiare o cavalcare,
di carrozza o calessi, ec., per una mercede convenuta: gli ho fatto tre --|| La mercede che si paga per per tale servizio: quanto viene la --?|| Carrozza, carro che serve a trasportare, e specialmente què legni, che trasportano i cittadini da un luogo ad un altro: va a pigliare una --, || Far vettura, condurre in vettura e prezzo.

Dal Nuovo Vocabolaro Universale della lingua italiana di B. Melzi 1882 Quinta Edizione Fratelli Garnier Edizioni

Cecità

Il disco giallo si illuminò. Due delle automobili in testa accelerarono prima che apparisse il rosso. Nel segnale pedonale comparve la sagoma dell'omino verde. La gente in attesa cominciò ad attraversare la strada camminando sulle strisce bianche dipinte sul nero dell'asfalto, non c'è niente che assomigli meno a una zebra, eppure le chiamano così. Gli automobilisti, impazienti, con il piede sul pedale della frizione, tenevano le macchine in tensione, avanzando, indietreggiando, come cavalli nervosi che sentissero arrivare nell'aria la frustata. Ormai i pedoni sono passati, ma il segnale di via libera per le macchine tarderà ancora alcuni secondi, c'è chi dice che questo indugio, in apparenza tanto insignificante, se moltiplicato per le migliaia di semafori esistenti nella città e per i successivi cambiamenti dei tre colori di ciascuno, è una delle più significative cause degli ingorghi, o imbottigliamenti, se vogliamo usare il termine corrente, della circolazione a…

Discriminazione

http://www.corriere.it/politica/09_ottobre_13/camera-esame-testo-omofobia_1261190c-b806-11de-9cba-00144f02aabc.shtml






"Si ferma alla Camera il cammino della proposta di legge sull'omofobia. L'assemblea di Montecitorio ha approvato, con i voti di Pdl e Lega, la questione pregiudiziale avanzata dall'Udc. Il testo, presentato da Paola Concia del Pd, è stato così affossato con 285 voti a favore, 222 contrari e 13 astensioni. Democratici e Idv hanno votato contro. "
Che Appiattimento! Civico ed Estetico! La discriminazione è un pregiudizio, il pregiudizio condiziona la nostra realtà storica, molto di più dei nostri giudizi! 
Continuamente siamo pervasi da immagini stereotipate di categorie sociali alle quali dovremmo appartenere, piuttosto che ad altre, meno vincenti e potenti; ogni giorno agli individui viene tolta la complessità, negata la molteplicità, viene annullato il retroscena culturale e sociale, viene etichettato in categorie di appartenenza accuratamente pre-co…