Passa ai contenuti principali

Sotto la scala

                                                          http://www.pinacotecabologna.it/
Oggi 15 Agosto, giornata insopportabilmente calda, umida, e opaca!
Il giorno ideale per andare in centro e trovare lo spazio libero, vitale, necessario!
Cerco uma mostra sulle rafffigurazioni del cibo nell'arte dal cinquecento al settecento, in via belle arti; chiuso!
Bene, allora poco oltre, mi fermo alla Pinacoteca Nazionale e ne approfitto per rivedere il Trecento Bolognese, Francesco Francia, Guido Reni e i Carracci e Giotto naturalmente!
Conversazione emozionante alla biglietteria con Signore e Signora piacevolmente sorpresi di conversare sui limiti della Città...e sì, la cultura e la città di Bologna soffrono da tempo di un male incurabile, colpa del Vaticano per il quale la Domenica serve solo per andare a messa e quindi tutto deve essere chiuso...già dico io, oltre al fatto che a Bologna ci sono anche i Massoni...e salta fuori il termine Massone che pensavo di pronunciare solo io, nelle mie elucubrazioni sulle sorti del mondo!
Che bello..allora altri ragionano! Beh, mi viene regalato un book bellissimo in bianco e nero sulla Pinacoteca che è un reperto anni 80 di valore inestimabile, stampato dalla tipografia Labanti&Nanni..sono strafelice!
...non mi dilungo sulle opere meravigliose che ci sono in Pinacoteca e per le quali nel resto d'Europa si realizzerebbero una decina di Musei; mi soffermo su quello che ho trovato nella sala 15, quella di Guido Reni, sotto uno scalone doppio in legno dal quale si accede alle stanze dei Carracci e del Manierismo..ecco lì sotto, invisibile, nascosto dietro ad un piccolo pianoforte stretto rosa, chissa, forse settecentesco, accanto mi ritrovo un modello ligneo, su di un piedistallo, protetto per tre quarti da un vetro curvo, pieno di polvere..devo abbassare la testa perchè non ci sto, mi avvicino e leggo "Bernini" modello per la fontana di P.zza Navona..
Bernini????? rimango con la testa china, scatto una foto in fretta..poi..non so che dire!

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

"La Fantasia è un posto dove ci piove dentro" ITALO CALVINO

"La Fantasia è un posto dove ci piove dentro" Dalle “Lezioni americane” di Italo Calvino Sei proposte per il prossimo millennio



Il soffitto dei Desideri....dove ci piove dentro!

... da Lezioni Americane di Calvino, un testo che amo particolarmente e che lessi nel '90..mi ispirò innumerevoli letture e mi fece conoscere Borges e ogni tanto ci torno per "metterci una mano dentro e tirarci fuori la magia come dal cappello"..ora la interpreto così: la fantasia non ha tempo, forma, colore, densità, odore, è tutto e il suo opposto, è quello che voglio, che creo fingendo io..un posto dove ci piove dentro..dunque..quando piove dentro, vuol dire che c'è un foro, un buco, un piccolo passaggio, o una voragine, una grossa perdita..insomma una falla..una falla nella fantasia? cosa potrà mai essere?
LA DURA E MERA REALTA'! KE-R


«Ci sono giorni in cui ogni cosa che vedo mi sembra carica di significati: messaggi che mi sarebbe difficile comunicare ad altri, definire, t…

IERNOTTE MENTRE DORMIVO - Antonio Machado (1875-1939)

IERNOTTE MENTRE DORMIVO
Iernotte mentre dormivo sognai, felice illusione!, che una fontana fluiva dentro il mio cuore. Dimmi, per che gora nascosta, acqua, giungi fino a me, sorgiva di nuova vita dove non bevvi mai? Iernotte mentre dormivo sognai, felice illusione!, che un alveare avevo  dentro il mio cuore; e le api dorate fabbricavano in esso, con le vecchie amarezze, bianca cera e dolce miele. Iernotte mentre dormivo sognai, felice illusione!, che un sole ardente splendeva dentro il mio cuore. Ardente perché dava calore, di rosso focolare, e sole perché rischiarava e perché faceva lacrimare. Iernotte mentre dormivo sognai, felice illusione!, che era Dio quel che avevo dentro il mio cuore.
Antonio Machado (1875-1939)

Ciao Nonna


Il libro dell'Inquietudine di Bernardo Soares - Fernando Pessoa

Il libro dell'Inquietudine di Bernardo Soares



http://www.leonor-fini.com/Versionanglaise/index_a.htm http://it.wikipedia.org/wiki/Leonor_Fini


"Le figure immaginarie hanno più spessore e verità di quelle reali. Il mio mondo immaginario è stato sempre per me l'unico mondo vero. Non ho mai avuto amori così reali, così pieni di verve, di sangue e di vita come l'amore vissuto con figure uscite da me stesso. Che peccato! Ne ho nostalgia perchè, come ogni amore, anche questi amori passano"...nota 198(367) Il Libro dell'inquietudine di Bernardo Soares - Fernando Pessoa
"Non ho fatto altro che sognare. Questo, e questo soltanto, è sempre stato il senso della mia vita. Non ho mai avuto altra preoccupazione vera se non la mia vita interiore. I più grandi dolori della mia vita sfumano, quando, aprendo la finestra che si affaccia sulla strada del mio sogno, e guardando il suo andamento, posso dimenticare me stesso". 200(373) Il Libro dell'inquietudine di Bernar…